La Vita è ciò che oggi ti capita

Pensieri …
La Vita è ciò che oggi ti capita mentre addenti con voluttà una fetta di torta alla mela, ma poi il sapore ed il profumo inebriante della torta stessa ti si fermano in gola e tra le narici strozzandoti quasi.., e pensi che domani probabilmente, questa torta non la assaggerai più.
La Vita, la mia vita è ciò che mi è successo mentre ero intenta a pianificare con il Mio Tutto (il mio compagno di una Vita intera) un tragitto breve e romantico , ma dopo il mese di dicembre del 2013 tutto è cambiato…anche il tragitto della mia vita stessa, non solo fisico ma anche mentale!
Ed eccomi qui a pensare che la vita è bella, ricca di profumi, ricca di gioia, ma non è così. La vita è fatta anche di male incurabile e della lotta per affrontarlo ed ostacolarlo, la vita è fatta di radiografie e manovre cruente, percorsi in corridoi lunghi e grigi di un ospedale ricco di persone in camici bianchi o verdi, che con professionalità e sorrisi cercano di renderti meno duro il tragitto offrendoti a cena anche ..una fetta di mela dopo che hai percorso un lungo tragitto sia di dolore fisico che psichico nell’arco della tua giornata e forse anche di un anno intero! Si la fetta di mela è ciò che ti fa ricordare l’inizio della vita stessa ma anche la fine...Adamo ed Eva e la Mela, la disobbedienza, la consapevolezza che oramai erano diventati mortali e quindi la Vita era diventata ricca oltre che di bene anche di sofferenza..
L’Albero della vita..ne ho visto uno fatto dai pazienti e infermieri nel reparto di degenza..bello mi era piaciuto..mi è piaciuto..

Quindi la Vita è sempre bella viverla e anche se avrà un tragitto diverso dal previsto..importante è viverla appieno godendo delle piccole cose e del grande Amore che ci e mi aiuta a viverla! Amore per il cielo grigio: dietro ai suoi colori si affaccerà l'azzurro e uscirà il sole..grazie Nilo non me lo scorderò più..questo consiglio!
Amore per il sorriso del buongiorno del tuo compagno (il mio Tutto), amore per la carezza che ricevi sul viso o su una mano..questa è vita! Amore per la tua vita stessa..Amore per la tazzina di caffè portatami al risveglio..In ogni gesto stesso vi è l'Amore!!
E la vita desidero viverla il meglio possibile senza pormi ne se ne ma..è così e basta! Ma il basta non deve uccidere l'amore che ho sempre per la mia stessa vita!!...Pensieri un poco confusi..ma veri in una dolce serata di maggio..
Terry (12 maggio 2014)

Nilo..e le sue poesie

Ho deciso di aprire questa pagina per inserire le poesie che preferisco del mio caro amico Nilo! 

Un uomo semplice e meraviglioso con una grande forza  nel cuore e tanto amore per il prossimo e per la vita..

Come dice bene lui..

"LA VITA è MERAVIGLIOSA E VAL LA PENA DI VIVERLA FINO AL SUO NATURAL FINE.."
Nota bene: 
Dichiarazione Privacy
Tutte le immagini del Sito e gli scritti , sono da considerarsi di proprietà del Sito stesso e non copiabili senza autorizzazione degli autori. 

                                                     

Intrecci di attimi

Scalando della vita i monti
su e giù per pendii nevosi
tra prati in fiore e fitti boschi
abbiamo teso al sole le mani.

Ora è nel tramonto di ogni oggi
che la mente vaga tra bianchi monti
dove sotto l’intreccio di azzurrati cieli
abbiamo goduto attimi celestiali.

E nelle oscurità silenziose
rischiarate dalla luce lunare
intrecciandoci nel cuore
chiamavamo le stelle per nome.

 Ora è la silente notte
che mi rimbocca le coperte
mentre dalla finestra del nostro “ovile”
gli occhi intrecciano la tua polare.

Così la nostra vita felice
navigava su quel mare
che raggiante d’amore
varcava tutte le onde.

Ora nel sentire il sussurro
di quel mare placido
serenamente ogni mio pensiero
si culla sul suo manto esteso.

Non ho nessun rimpianto del vissuto
di te ho amato ogni attimo
anche quando il dolore s’è intrecciato
nel momento della vita forse più bello.

Ora è tra lo sfumo dei ricordi
intrecciati dai cerchi dei tempi
che nelle braccia dei silenzi
vado a deporre i miei sentimenti.

© Nilodan Gi.Pi

10/12/2013


                                                     
Sulle ali delle stagioni

Su fiamminghi cieli
si spegne l’ultimo raggio
dove silenziosamente
lo sguardo si perde
sull’orlo delle tenebre.
Con le ali del nostro insieme
abbiano volato
sotto cieli di limpido amore.
Sulle arcate di primo sole
aprendosi a primavera
le stagioni del nostro felice
dipingevano la tela della vita
incorniciandola di rose e fiori.

Spensieratamente camminando
tra gioie e speranze future
scalavamo i monti della vita
salendo tra le braccia dell’estate
dove il cuore abbracciava il sole.
Nel bel mezzo della felicità
con felpate lancette
l’orologio del tempo rosato
sotto un cielo stellare
ticchettava già la brevità dei giorni
e l’autunno nel suo primo presente
aumentando l’alito del vento
lentamente spogliava il tuo fiore.
Quando sulla tela delle stagioni
rimase solo il tuo nudo stelo
straripando dal loro alveo
lacrime annegarono i miei pensieri
gelandoli nel prematuro inverno.
Tra gli aloni di nebbia
che chiudevano visuali future
sovente quel fioco sole
mostrandosi tra i velati foschi
rapiva il mio sguardo
finché un immenso calore
sciogliendo il gelo dell’animo
mi spinse a guadare il fiume delle mie lacrime
portandomi sulla riva della nuova speranza
dove un arcobaleno
arcandosi maestoso nel cielo
mi fece comprendere
che anche se una stagione muore
non tutto sarà per sempre.

© Nilodan Gi.Pi.
13/11/2013

                                                     


TRISTE PENSIERO
Per non dimeticare...

Quant’è triste il cuore
Quando non ha più nulla d’amore
E nell’umano pensiero
Quell’atrocità in bianco nero
Veder scorrere quelle vite
Da tante atrocità così ferite
Quando l’intelligenza è svanita
Per dar corpo ad odiata vanità
Di supremazia ideologica e di odio
Scatenata da pura follia di ripudio
Per vite che avean loro il diritto
di esistere senza nessun conflitto.

©Nilodan Gi. Pi.
27/01/08
 (Dalla raccolta “Pensieri & ricordi”)

                                                     

Grazie Nilo per questa meravigliosa poesia!!
Un abbraccio caro amico!!
Dovevo farla conoscere..
è un inno alla vita nonostante i momenti bui..
ed è un continuare a volare verso il sole..
perchè la vita è sempre bella....
Ciao!
Ma quanto sei bella "VITA"…



Dal brillante cielo
dove i raggi del sole 
rischiarando il mondo
portano a risorgere la vita
un manto oscuro 
in delicato ondeggio
m’ha chiuso gli occhi alla luce.
Nel silenzio universale
la pace mi ha preso per mano
portando il mio cammino
verso quelle serene distese
dove oltrepassando le vette del dolore
tutti i pensieri si stendono e si rilassano
e ogni attimo è un addobbato di felicità.
Ma quanto sei bella vita
quando riaprendo gli occhi
anche sotto il manto scuro
della notte ormai in distesa vera
già adagiata sul vivere 
senza più illusioni
vedi che il sole è nato
ancora una volta è per te.
Or con animo più vivo 
circondato dai colori della primavera
che con nuova speranza
ti portano a guardare l’orizzonte
riproverò a salire verso la mia vetta
per stringere le mani a quel sole
ringraziandolo per quei suoi caldi raggi
che ancora mi rendono felice la vita.

© Nilodan Gi.Pi.
16/03/2013

                                          

Insieme


Sotto lo stesso mantello
abbiamo vissuto il nostro vivere
finché un alito gelido
soffiando sulla tua fiamma
spense la tua lanterna.


 Ora, anche nel tuo non esserci
nei silenzi del mio attorno
posando l’occhio nel lontano
ti vedo rispecchiata
in quello specchio d’ombra
che ancora ci divide.

Non so descrivere
quel che l’animo mio abbraccia
perché solo io so
quel che racchiude quell’attimo
e allora voglio ricordarti nel silenzio
con quell’ultimo sereno sorriso
che chiudendo ogni speranza
mi donasti come ultimo abbraccio.

Ed ora,
sotto questo cielo
ammantato di teneri ricordi
tu per me sei ancora vita
di questo mio palpitante cuore
che pur nel suo faticoso cammino
ama guardare oltre quell’oltre
perché ha sempre voglia di credere
che un dì saremo ancora noi.

© Nilodan Gi.Pi.
21/01/2013

                                                   

Chiaro di luna

Guardando lo stellato cielo
dove la luna, nel suo abito più bello
rispecchiandosi sulle placide onde
di quel mare che fu del nostro amore
mi sento avvolgere da un maestoso silenzio
che propagandosi nei miei pensieri
mi fa immergere
in quella gioia d’averti avuta
quale anima del mio mondo.

Nel contemplare l’esteso universo
che dona vita alla volta celeste
seguo quell’onda che uscendo dal mare
sciogliendosi delicatamente a riva
si distende sulla fine sabbia.

E nell’ammirare
quanto sia grande la dolcezza
che si racchiude in quel fraterno abbraccio
sento bussarmi in gola
il palpito puro del cuore
mentre un gabbiano nel suo garrire
seguendo il flusso del mare
si disperde nell’orizzonte della notte.

E nella serenità del momento
l’anima mia raccogliendo il canto
di quel che fu il nostro mare
è confortata dall’antico pensiero
che mai sarò solo.

© Nilodan Gi.Pi.
03 / 07 / 2012

                                                    
L'Onda della Sera
© Nilodan Gi.Pi


                                                   
Il sole al tramonto

Intrecci di ultimi raggi
Lentamente nel lor calare

Sfumando sulle prime ombre
Oltrepassano
La linea dell’infinito
Esclusiva per l’oscurità.

Alzando gli occhi al cielo
La prima stella sei tu.

Tacitamente
Risalendo l’onda
Abbraccia gli scogli
Mentre lontani bagliori
Ondeggiando sul mare
Nel tramonto che si fa sera
Tracciano con le lor scie
Oniriche visuali.

© Nilodan Gi.Pi.
03/01/2013

                                                     

                                                     
Piano - Forte

Non so suonare

né piano

né forte…
né sul bianco

né sul nero…
ed allor ecco che
l'unica melodia che mi “prende”
è quel battito del mio cuore
che pure nel silenzio 

risuona in me
volando oltre gli “ottantotto”

ogni volta che penso a te.




© Nilodan Gi.Pi.

29/11/12
                                            

Inverno
Nell’inverno della “vita”
la natura si riposa
sotto un cielo cupo
senza più le ali.
Il bianco manto di ghiaccio
scivola sul plumbeo orizzonte
dove tutte le luci si spengono
nell’avvolto del suo grigiore.
L’albero spogliato dal gelo
tende le sue mani al cielo
quasi chiedendo perdono
per colpe che non ha.
In una cornice innaturale
uccelli in manto nero
girovagano spaesati
picchiettano il becco sul ghiaccio
cercando uno scardino per il lor vive.
Avvolti nei lor tabarri
come mummie infreddolite
camminano chini i passanti
sognando le calde mura di casa.
Pur se freddo è l’orizzonte
il tempo non mi attanaglia
perché sento nel cuore
il calore del camino della “vita”
che nel suo ardente
sprigiona quell’antico tuo amore
spogliandomi da ogni dolore.
© Nilodan Gi.Pi.
15/12/2012
                                                   
Nuova card di Nilo

4 commenti:

  1. Terry... ti ringrazio. della sorpresa.
    Che dire... Mi sono commosso..
    Lo so.. lo so.. iI commuovermi, anche per semplici cose della vita, come tu sai, fa parte delle mia "natura" GRAZIE ancora!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti meriti questo dolcissimo amico!! Ed il commuoverti è il regalo più bello che puoi farmi!! Perchè l'amicizia è anche questo: amore e rispetto ed affetto per le cose che si condividono!!
      Grazie a te!! Un abbraccio!!
      Buon Natale a te e famgilia!!Terry

      Elimina
  2. Complimenti a Nilodan che scrive poesie così intense. Un saluto a te cara TERRY! Bacione Lili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lili, un bacione a te!!E' vero,scrive poesie intense e belle!
      Ciao Nilo un abbraccio a te!

      Elimina

Lettori fissi

La musica in video

Loading...

Archivio blog